Immigrazione

Londra – Il primo sindaco musulmano

Trionfo per Sadiq Khan: Londra elegge il primo sindaco musulmano

LONDRA – «Questa è una storia di Londra: fatta di lavoro duro, una mano che ti aiuta, la consapevolezza che puoi arrivare dove vuoi». Sadiq Khan, 45 anni, due figli, avvocato, è il primo sindaco musulmano di una grande metropoli occidentale.

Ha schiantato Zac Goldsmith, candidato conservatore, e con il 44% dei voti (quando il “primo spoglio” si è ormai concluso) succede al biondo eccentrico esponente Tory, Boris Johnson. Una vittoria annunciata da sondaggi compatti nel disegnare il profilo del figlio di un autista di bus di origine pachistana come quello dell’uomo prescelto da una popolazione eterogenea, incline, però, al voto trasversale. Per vincere, Sadiq Khan ha dovuto pescare anche nella riserva delle classi medie e medio alte, naturalmente vicine ai Tory e quindi al volto, rassicurante, di Zac Goldsmith, sposato Rothschild, quintessenza di una Old Britannia che galleggia ancora sulle acque del Tamigi.

 

È la Londra capitale universale, che schiaccia la Londra squisitamente e solamente inglese? Anche. La vittoria di Sadiq Khan ha molte letture – non ultima il sì a Brexit sventolato da Zac Goldsmith – ma la più evidente è che questa città non ha avuto paura di sé stessa, non ha ceduto alla reazione, bocciando, in nome del conflitto fra fedi e fra razze che il terrorismo di matrice islamica tenta di esportare in Europa, un candidato musulmano. E non solo per la religione. Sadiq Khan è partner in uno dei maggiori studi legali specializzato in diritti umani nel Regno Unito. Ha difeso personaggi in odore di preoccupante radicalismo, s’è battuto per loro davanti ai tribunali di mezza Europa compresa la Corte di Giustizia. Impegno che non gli ha evitato minacce di morte quando fu fra i firmatari della legge su matrimoni fra persone dello stesso sesso.

Continua a leggere

 

 

More from Immigrazione

Svizzera alza difese: carrarmati al confine con l’Italia

ROMA (WSI) – Dopo l’Austria anche la Svizzera minaccia di mettere a repentaglio o nella migliore delle ipotesi congelare gli accordi di Schengen per la libera circolazione delle persone. Il Consiglio Federale, i Cantoni e i Comuni elvetici hanno infatti … Per saperne di più

Salvini “respinto” dai migranti a Porto Recanati. Lui: “Lo Stato non esiste”

Respinto da un cordone di migranti a Porto Recanati e “bersaglio” del lancio di uova, pomodori e bottiglie ad Ancona eMacerata, dove due ragazzi sono rimasti feriti a seguito delle cariche della polizia. L’arrivo nelle Marche di Matteo Salvini – dove il Carroccio sostiene il … Per saperne di più

Immigrazione, Ucoi: “Ricorsi in Italia e Ue contro l’espulsione degli islamici”

Gli islamici che vivono in italia non hanno accettato le espulsioni dei loro “fratelli” accusati di terrorismo. Così adesso promettono battaglia e ricorsi in tribunale per farli rientrare. “Ci saranno ricorsi in sede italiana ed europea affinchè ai presunti terroristi … Per saperne di più

ALLARME SCABBIA: DALLA SICILIA SI E’ PROPAGATA IN CONTINENTE. ECCO LE CITTA’ A RISCHIO.

QUESTO IL RISULTATO DI NON CURARE CHI SBARCA: Paura scabbia in tutta Italia: due casi anche all’asilo L’allarme dell’Uil polizia locale di Roma: “I lavoratori hanno paura. Oggi è scabbia, domani potrebbe trattarsi di tubercolosi. Prima di arrivare nelle strutture … Per saperne di più

Se Renzi lascia in magazzino il radar che ferma i clandestini

Esiste un sistema avanzato di controllo delle frontiere fatto di “radar, sensori a infrarossi e sistemi di comando a tre livelli”, commissionato dall’ex rais Muhammar Gheddafi e realizzato da Finmeccanica. “Basterebbe attivarlo e gran parte dei problemi sarebbero risolti – … Per saperne di più